Contatti
 
Segui il Dott. Di Bella su Facebook Segui il Dott. Di Bella su Twitter Segui il Dott. Di Bella su g+ Segui il Dott. Di Bella su RSS
ESOFAGO
ESOFAGITE DA REFLUSSO
ESOFAGO DI BARRETT
CANCRO DELL' ESOFAGO
ACALASIA
VARICI ESOFAGEE
ERNIA IATALE
MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO
SINDROME DI MALLORY WEISS
FEGATO
EPATITI VIRALI
EPATITI DA FARMACI
EPATITI ALCOLICHE
STEATOSI
CIRROSI EPATICA
IPERTENSIONE PORTALE
INTESTINO, COLON, ANO
CANCRO DEL COLON
SINDROME DEL COLON IRRITABILE
DIARREA
DIVERTICOLOSI E DIVERTICOLITE
EMORROIDI
ASCESSI E FISTOLE
MORBO DI CROHN
POLIPI DEL COLON
RAGADE ANALE
RETTOCOLITE ULCEROSA
STIPSI
STOMACO
CANCRO GASTRICO
DISPEPSIA
GASTRITE
GASTRITE DA HELICOBACTER PYLORI
TUMORI BENIGNI
ULCERA PEPTICA
FEGATO: TUMORI EPATICI BENIGNI
ADENOMA
ANGIOMA
CISTI
IPERPLASIA NODULARE FOCALE
FEGATO: TUMORI EPATICI MALIGNI
EPATOCARCINOMA
METASTASI
COLECISTI
ADENOMIOMA
CALCOLOSI DELLA COLECISTI
PANCREAS
PANCREATITI ACUTE
PANCREATITE CRONICA
TUMORI DEL PANCREAS
SEI IN: HOMEPAGE - PATOLOGIE - EPATOCARCINOMA

EPATOCARCINOMA 

DEFINIZIONE  -- L'epatocarcinoma (HCC) è il tumore maligno primitivo del fegato che si sviluppa a partire dagli epatociti ed è quello più frequente. L’ altro tipo di tumore primitivo: il colangiocarcinoma si sviluppa a partire dalle cellule delle vie biliari intraepatiche. Infine un terzo tipo è definito misto perché associa un contingente epatocellulare al colangiocarcinoma. 

CAUSE  -- L’ HCC si sviluppa più frequentemente su una cirrosi, più raramente su un’ epatopatia cronica non cirrotica ed eccezionalmente su un fegato sano. Le principali cause di HCC sono quindi quelle della cirrosi: l’ alcolismo cronico, l’ infezione virale cronica B o C, la steatoepatite non alcolica e l’ emocromatosi.

GENERALITA’  --  L'epatocarcinoma occupa il quinto posto tra le neoplasie più diffuse e nell'80% dei casi si associa ad epatopatia cronica o cirrosi. I pazienti cirrotici vengono inseriti in un programma di sorveglianza che prevede un controllo ecografico ogni 6-8 mesi. In alcuni casi, però, il paziente non è a conoscenza della sua epatopatia cronica e quindi non è sottoposto a sorveglianza periodica. Il riscontro dell'HCC, in questi casi, può esse­re occasionale. 

DIAGNOSI  -- All' ecografìa di base l' aspetto dell'HCC può essere variabile, prevalentemente ipoecogeno, ma può presentare anche un' ecostruttura iso o iperecogena. La morfologia può essere infiltrante o capsulata con vallo ipoecogeno periferico.  In lesioni di dimensioni maggiori di 5 cm l' aspetto di base può essere disomogeneo per fenomeni necrotici ed emorragici.  L ‘ ecografia con mezzo di contrasto (CEUS) mostra l'albero vascolare neoplastico e la sua micro e macrovascolarizzazione, già evidente a circa 15-20 secondi dall'iniezione. Nella fase tardiva, l’ HCC può presentare un aspetto ipoecogeno . Nei casi dubbi si prosegue l’ iter diagnostico con le altre tecniche di imaging (TC e/o RM) o con la biopsia ecoguidata e successivo esame istologico.

  

Dr. Di Bella Giuseppe Gastroenterologo
Centro di Epatogastroenterologia e Nutrizione
Email: info@studiodibella.net

Riceve in :
Viale Libertà, 85 - 95014 - Giarre (CT)
Tel.: +39 095 7794666

Via Umberto, 217 - 95013 - Fiumefreddo di Sicilia (CT)
Tel.: +39 095 646226

PI 04288190871

Ambulatorio di Gastroenterologia accreditato con il S.S.N. (G.U.R.S. 59 del 21/12/2007)

Codice di accreditamento n° 419000 (G.U.R.S. 56 del 07/12/2006)




Copyright © 2015 All Rights reserved