Contatti
 
Segui il Dott. Di Bella su Facebook Segui il Dott. Di Bella su Twitter Segui il Dott. Di Bella su g+ Segui il Dott. Di Bella su RSS
ESOFAGO
ESOFAGITE DA REFLUSSO
ESOFAGO DI BARRETT
CANCRO DELL' ESOFAGO
ACALASIA
VARICI ESOFAGEE
ERNIA IATALE
MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO
SINDROME DI MALLORY WEISS
FEGATO
EPATITI VIRALI
EPATITI DA FARMACI
EPATITI ALCOLICHE
STEATOSI
CIRROSI EPATICA
IPERTENSIONE PORTALE
INTESTINO, COLON, ANO
CANCRO DEL COLON
SINDROME DEL COLON IRRITABILE
DIARREA
DIVERTICOLOSI E DIVERTICOLITE
EMORROIDI
ASCESSI E FISTOLE
MORBO DI CROHN
POLIPI DEL COLON
RAGADE ANALE
RETTOCOLITE ULCEROSA
STIPSI
STOMACO
CANCRO GASTRICO
DISPEPSIA
GASTRITE
GASTRITE DA HELICOBACTER PYLORI
TUMORI BENIGNI
ULCERA PEPTICA
FEGATO: TUMORI EPATICI BENIGNI
ADENOMA
ANGIOMA
CISTI
IPERPLASIA NODULARE FOCALE
FEGATO: TUMORI EPATICI MALIGNI
EPATOCARCINOMA
METASTASI
COLECISTI
ADENOMIOMA
CALCOLOSI DELLA COLECISTI
PANCREAS
PANCREATITI ACUTE
PANCREATITE CRONICA
TUMORI DEL PANCREAS
SEI IN: HOMEPAGE - PATOLOGIE - PANCREATITI ACUTE

PANCREATITE  ACUTA

Definizione   --  La pancreatite acuta è una flogosi acuta del pancreas, causata dall'attivazione enzimatica intrapancreatica e caratterizzata all'esordio da dolore addominale con aumento degli enzimi pancreatici nel sangue e nelle urine.

Cause   -- I fattori che possono essere implicati sono numerosi. I più frequenti sono rappresentati dalla litiasi biliare (16 – 70%) e dall’alcolismo (4 – 60%). Queste due condizioni sono da sole responsabili del 60 – 90% di tutte le pancreatiti acute.  Altre cause possono essere le forme secondarie a manovre terapeutiche o diagnostiche invasive (colangiografia retrograda, angiobiopsia pancreatica). Non esiste comunque relazione tra l'eziologia e la gravità. 

Generalità

Sintomi -- Il dolore intenso, che raggiunge la sua massima intensità in poco tempo, mantenendosi al livello più elevato anche per 48 ore. La localizzazione è epi-mesogastrica, con irradiazione ai fianchi (dolore a sbarra) e al dorso (dolore a cintura); in genere peggiora in posizione supina, mentre migliora se il paziente assume posizione fetale o semiseduta. Segue per frequenza il vomito: compare insieme al dolore, inizialmente riflesso, alimentare, quindi da ileo paralitico.  Un terzo gruppo di segni e sintomi deriva dall’ileo paralitico, secondario alla peritonite: addome disteso, scarsamente trattabile, ipoperistaltico, dolente alla palpazione.  

I sintomi generali sono tanto più evidenti quanto più grave è le forma di pancreatite. Il sensorio appare obnubilato. Subittero o ittero, quando presenti, possono indicare una genesi biliare, oppure compressione coledocica da parte della testa del pancreas. La febbre inizialmente incostante, in seguito può indicare l’infezione di focolai necrotici. Frequente è la tachicardia, dovuta ad ipovolemia. Possono rivelarsi tachipnea o dispnea, nelle prime fasi sono secondarie al dolore, all’iperpiressia e tardivamente conseguenti ad un’insufficienza respiratoria. Altri sintomi sono quelli di versamento pleurico, specialmente a destra (30%).

  

Diagnosi

La clinica va interpretata alla luce dell’anamnesi (spesso positiva per litiasi biliare, etilismo, o per recente abuso alimentare o alcolico) del laboratorio e soprattutto della diagnostica di “imaging”. Va differenziata da un’ulcera peptica perforata, dall'occlusione intestinale, dall'appendicite acuta, dall'infarto mesenterico, dall'infarto miocardico, dall'aneurisma aortico in rottura.  

Fra gli esami di laboratorio, l’amilasi  è il meno specifico degli enzimi, ma è molto sensibile. Essendo più sensibili che specifiche sono più utili per escludere la pancreatite che per diagnosticarla; sono infatti aumentate in corso di parotiti, perforazione gastrica o duodenale, neoplasie polmonari, celiachia. La lipasi è più specifica e andrebbe utilizzata con maggior frequenza.  

L' ecotomografia, la tomografia computerizzata e la risonanza magnetica consentono:  la conferma diagnostica della malattia, la definizione morfologica del danno, la valutazione del grado di diffusione peripancreatica, la ricerca di complicanze ed il controllo evolutivo a distanza.

   

Dr. Di Bella Giuseppe Gastroenterologo
Centro di Epatogastroenterologia e Nutrizione
Email: info@studiodibella.net

Riceve in :
Viale Libertà, 85 - 95014 - Giarre (CT)
Tel.: +39 095 7794666

Via Umberto, 217 - 95013 - Fiumefreddo di Sicilia (CT)
Tel.: +39 095 646226

PI 04288190871

Ambulatorio di Gastroenterologia accreditato con il S.S.N. (G.U.R.S. 59 del 21/12/2007)

Codice di accreditamento n° 419000 (G.U.R.S. 56 del 07/12/2006)




Copyright © 2015 All Rights reserved