Contatti
 
Segui il Dott. Di Bella su Facebook Segui il Dott. Di Bella su Twitter Segui il Dott. Di Bella su g+ Segui il Dott. Di Bella su RSS
ESOFAGO
ESOFAGITE DA REFLUSSO
ESOFAGO DI BARRETT
CANCRO DELL' ESOFAGO
ACALASIA
VARICI ESOFAGEE
ERNIA IATALE
MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO
SINDROME DI MALLORY WEISS
FEGATO
EPATITI VIRALI
EPATITI DA FARMACI
EPATITI ALCOLICHE
STEATOSI
CIRROSI EPATICA
IPERTENSIONE PORTALE
INTESTINO, COLON, ANO
CANCRO DEL COLON
SINDROME DEL COLON IRRITABILE
DIARREA
DIVERTICOLOSI E DIVERTICOLITE
EMORROIDI
ASCESSI E FISTOLE
MORBO DI CROHN
POLIPI DEL COLON
RAGADE ANALE
RETTOCOLITE ULCEROSA
STIPSI
STOMACO
CANCRO GASTRICO
DISPEPSIA
GASTRITE
GASTRITE DA HELICOBACTER PYLORI
TUMORI BENIGNI
ULCERA PEPTICA
FEGATO: TUMORI EPATICI BENIGNI
ADENOMA
ANGIOMA
CISTI
IPERPLASIA NODULARE FOCALE
FEGATO: TUMORI EPATICI MALIGNI
EPATOCARCINOMA
METASTASI
COLECISTI
ADENOMIOMA
CALCOLOSI DELLA COLECISTI
PANCREAS
PANCREATITI ACUTE
PANCREATITE CRONICA
TUMORI DEL PANCREAS
SEI IN: HOMEPAGE - PATOLOGIE - CANCRO GASTRICO

CANCRO  GASTRICO

DEFINIZIONE  -- Il tumore dello stomaco è provocato da una massa di cellule in crescita incontrollata, originatesi, nel 90 per cento dei casi dalle cellule mucosecernenti; tende a localizzarsi selettivamente al piloro e all’antro gastrico (21%), alla piccola curvatura (18%), al cardias (7%) e alla grande curvatura (3%).

CAUSE

CONDIZIONI PRECANCEROSE 

Anemia perniciosa: il cancro gastrico spesso (10% dei casi) è riscontrabile in soggetti con gastrite cronica atrofica del corpo-fondo (gastrite cronica tipo A)

La metaplasia intestinale è lesione di passaggio nella carcinogenesi: sembra che le caratteristiche di questo epitelio rendano più facile la penetrazione e l'accumulo di agenti cancerogeni. Pazienti operati allo stomaco (gastroresezione):  l'incidenza di cancro in questa condizione di gastroresezione pregressa è 2-3 volte superiore rispetto al normale.

Gastropatia ipertrofica: l'incidenza di cancro è superiore del 10% negli affetti da gastrite di Ménétrier.

Polipi iperplastici e polipi adenomatosi dello stomaco. I primi sono polipi infiammatori e non costituiscono un pericolo di degenerazione maligna. Gli adenomi debbono essere valutati istologicamente dopo asportazione endoscopica, necessaria poiché c'è rischio di trasformazione carcinomatosa, rischio del 50%.  

CARCINOGENESI -- L' ipotesi di Correa:  dieta squilibrata, infezione da Helicobacter  o altro, provocano gastrite superficiale la quale può evolvere nella gastrite atrofica che determina iposecrezione gastrica con conseguente proliferazione batterica, iperproduzione di  nitriti che associati ad un  deficit di vitamina C determina la formazione di nitrosi composti con conseguente metaplasia intestinale successiva displasia ed infine carcinoma.

GENERALITA’  -- Il cancro dello stomaco in passato era la neoplasia più frequente e lo è ancora in Giappone. Negli ultimi 30 anni l'incidenza si è ridotta ed ora è inferiore al cancro del polmone, del colon-retto e della mammella.In base alla profondità di infiltrazione nella parete dello stomaco il carcinoma si definisce come "precoce" (early gastric cancer) oppure "avanzato" (advanced gastric cancer). L' early gastric cancer interessa la mucosa o anche la sottomucosa, presenta propagazioni (metastasi linfonodali) nel 20% dei casi e comporta una prognosi favorevole (sopravvivenza a 5 anni è dell'8o%).L’ advanced gastric cancer presenta  metastasi linfonodali nel 50 % dei casi e la sopravvivenza a 5 anni è del 20%. I Sintomi  del cancro gastrico sono tardivi, aspecifìci e variabili: dolore all’ epigastrio a digiuno o dopo i pasti, senso di pienezza, nausea oppure sanguinamento con sangue emesso dalla bocca (ematemesi) oppure difficoltà ad alimentarsi per il restringimento dello stomaco (disfagia per stenosi cardiale o antrale) e presenza di vomito alimentare. Sono frequenti la riduzione dell'appetito ed il dimagramento (calo ponderale).  DIAGNOSI   -- L' unico esame attendibile è la gastroscopia con biopsie ma il ritardo diagnostico è frequente: la diagnosi avviene 3-6 mesi dopo la comparsa dei primi sintomi e meno del 20% delle lesioni repertate alla gastroscopia sono confinate alla mucosa o sottomucosa.  Data l' aspecifìcità e la scarsa rilevanza dei sintomi, la diagnosi può essere fatta quando già il paziente presenta una massa palpabile (nel 10-30% dei casi).

   

Dr. Di Bella Giuseppe Gastroenterologo
Centro di Epatogastroenterologia e Nutrizione
Email: info@studiodibella.net

Riceve in :
Viale Libertà, 85 - 95014 - Giarre (CT)
Tel.: +39 095 7794666

Via Umberto, 217 - 95013 - Fiumefreddo di Sicilia (CT)
Tel.: +39 095 646226

PI 04288190871

Ambulatorio di Gastroenterologia accreditato con il S.S.N. (G.U.R.S. 59 del 21/12/2007)

Codice di accreditamento n° 419000 (G.U.R.S. 56 del 07/12/2006)




Copyright © 2015 All Rights reserved