Contatti
 
Segui il Dott. Di Bella su Facebook Segui il Dott. Di Bella su Twitter Segui il Dott. Di Bella su g+ Segui il Dott. Di Bella su RSS
ESOFAGO
ESOFAGITE DA REFLUSSO
ESOFAGO DI BARRETT
CANCRO DELL' ESOFAGO
ACALASIA
VARICI ESOFAGEE
ERNIA IATALE
MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO
SINDROME DI MALLORY WEISS
FEGATO
EPATITI VIRALI
EPATITI DA FARMACI
EPATITI ALCOLICHE
STEATOSI
CIRROSI EPATICA
IPERTENSIONE PORTALE
INTESTINO, COLON, ANO
CANCRO DEL COLON
SINDROME DEL COLON IRRITABILE
DIARREA
DIVERTICOLOSI E DIVERTICOLITE
EMORROIDI
ASCESSI E FISTOLE
MORBO DI CROHN
POLIPI DEL COLON
RAGADE ANALE
RETTOCOLITE ULCEROSA
STIPSI
STOMACO
CANCRO GASTRICO
DISPEPSIA
GASTRITE
GASTRITE DA HELICOBACTER PYLORI
TUMORI BENIGNI
ULCERA PEPTICA
FEGATO: TUMORI EPATICI BENIGNI
ADENOMA
ANGIOMA
CISTI
IPERPLASIA NODULARE FOCALE
FEGATO: TUMORI EPATICI MALIGNI
EPATOCARCINOMA
METASTASI
COLECISTI
ADENOMIOMA
CALCOLOSI DELLA COLECISTI
PANCREAS
PANCREATITI ACUTE
PANCREATITE CRONICA
TUMORI DEL PANCREAS
SEI IN: HOMEPAGE - PATOLOGIE - CANCRO DELL' ESOFAGO
CANCRO  ESOFAGEO

GENERALITA’
II cancro dell'esofago riveste un ruolo importante nell'ambito della patologia neoplastica sia per la sua prognosi ancor oggi sfavorevole che per la sua storia naturale inesorabilmente diretta verso la disfagia e la cachessia neoplastica. DEFINIZIONE
Distinguiamo il carcinoma a cellule squamose, che rappresenta il 90% circa dei tumori epiteliali esofagei e l'adenocarcinoma, che rappresenta il restante 10% dei carcinomi dell'esofago. Carcinoma a cellule squamose -- L'incidenza del carcinoma squamoso dell'esofago varia a seconda delle zone geografiche. La più elevata frequenza si riscontra in Asia, nelle regioni orientali della Cina e nel nord dell'Iran con tassi variabili da 160 a 110 casi/100.000 abitanti maschi. La popolazione nera risul­ta più interessata della bianca sia in Sudafrica sia negli USA.  In Europa il cancro dell'esofago è particolarmente rappresentato in Francia con un'incidenza di 11,5 casi/100.000 abitanti maschi.L'Italia, con una frequenza di 4,8/100.000 abitanti maschi, si colloca ad un livello intermedio presentando però regioni, quali il Trentino, la Lombardia, il Veneto ed il Friuli, che superano nettamente la media nazionale e si allineano con i territori a più alto rischio.   Nei paesi occidentali il cancro dell'esofago colpisce solitamente soggetti di sesso maschile ed età avanzata (70-80 anni); questa predominanza svanisce nelle zone ad elevatissima incidenza.   Adenocarcinoma esofageo -- È responsabile dell'8-10% dei carcinomi esofagei. L'adenocarcinoma esofageo è una malattia che colpisce prevalentemente i bianchi. Sebbene vi siano stati alcuni casi in pazienti di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, l'incidenza cresce dopo i  40 anni; prevale nel sesso maschile (rapporto M:F=3-5,5:1).   
CAUSE 
La grande maggioranza degli adenocarcinomi esofagei si sviluppa come una complicanza dell'esofago di Barrett. 
DIAGNOSI
La diagnosi di cancro dell'esofago può essere fatta con una radiografia dell'esofago con mezzo di contrasto oppure con un' endoscopia che consente di vedere l'eventuale lesione e di ottenere materiale per un esame delle. Una volta individuato il tumore, a completamento degli esami diagnostici è opportuno fare una radiografia del torace e una tomografia computerizzata (TAC) del torace e dell'addome per escludere la presenza di metastasi a distanza.  

Dr. Di Bella Giuseppe Gastroenterologo
Centro di Epatogastroenterologia e Nutrizione
Email: info@studiodibella.net

Riceve in :
Viale Libertà, 85 - 95014 - Giarre (CT)
Tel.: +39 095 7794666

Via Umberto, 217 - 95013 - Fiumefreddo di Sicilia (CT)
Tel.: +39 095 646226

PI 04288190871

Ambulatorio di Gastroenterologia accreditato con il S.S.N. (G.U.R.S. 59 del 21/12/2007)

Codice di accreditamento n° 419000 (G.U.R.S. 56 del 07/12/2006)




Copyright © 2015 All Rights reserved