Contatti
 
Segui il Dott. Di Bella su Facebook Segui il Dott. Di Bella su Twitter Segui il Dott. Di Bella su g+ Segui il Dott. Di Bella su RSS
ESOFAGO
ESOFAGITE DA REFLUSSO
ESOFAGO DI BARRETT
CANCRO DELL' ESOFAGO
ACALASIA
VARICI ESOFAGEE
ERNIA IATALE
MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO
SINDROME DI MALLORY WEISS
FEGATO
EPATITI VIRALI
EPATITI DA FARMACI
EPATITI ALCOLICHE
STEATOSI
CIRROSI EPATICA
IPERTENSIONE PORTALE
INTESTINO, COLON, ANO
CANCRO DEL COLON
SINDROME DEL COLON IRRITABILE
DIARREA
DIVERTICOLOSI E DIVERTICOLITE
EMORROIDI
ASCESSI E FISTOLE
MORBO DI CROHN
POLIPI DEL COLON
RAGADE ANALE
RETTOCOLITE ULCEROSA
STIPSI
STOMACO
CANCRO GASTRICO
DISPEPSIA
GASTRITE
GASTRITE DA HELICOBACTER PYLORI
TUMORI BENIGNI
ULCERA PEPTICA
FEGATO: TUMORI EPATICI BENIGNI
ADENOMA
ANGIOMA
CISTI
IPERPLASIA NODULARE FOCALE
FEGATO: TUMORI EPATICI MALIGNI
EPATOCARCINOMA
METASTASI
COLECISTI
ADENOMIOMA
CALCOLOSI DELLA COLECISTI
PANCREAS
PANCREATITI ACUTE
PANCREATITE CRONICA
TUMORI DEL PANCREAS
SEI IN: HOMEPAGE - PATOLOGIE - ULCERA PEPTICA

ULCERA PEPTICA: ULCERA GASTRICA, ULCERA DUODENALE, ULCERA PREPILORICA 

DEFINIZIONE

L' ulcera gastrica o duodenale è una malattia multifattoriale. Si manifesta con una perdita di sostanza della mucosa, di forma rotonda od ovalare, che arriva ad uno strato più profondo (la muscolaris mucosa) rispetto a quello delle erosioni (più superficiali), potendo addirittura perforare la parete del viscere.

CAUSE

Per l'ulcera duodenale le cause principali che la determinano sono una secrezione gastrica delle 24 ore aumentata ed un rallentamento dello svuotamento gastrico. Altre cause possono essere i fattori ambientali, lo stress, i farmaci antiinfiammatori ed il fumo. 

GENERALITA’  --  Sintomatologia:  dolore sordo all' epigastrio, talora solo gonfiore e nausea. Il dolore può essere sia diurno che notturno, a volte alleviato dal cibo altre invece esacerbato. Insorge più precocemente dopo il pasto nell'ulcera gastrica, rispetto a quella del duodeno, può essere fugace, intermittente o persistente. Il vomito può  verificarsi nelle ulcere piloriche in conseguenza di stenosi a tale livello. L'emorragia può avvenire in un quarto dei casi. La perforazione è più rara.Terapia: i farmaci attualmente utilizzati sono i potenti inibitori della secrezione acida e la terapia eradicante l'Helicobacter Pylori. Sono importanti anche alcuni accorgimenti dietetici: evitare cibi piccanti e speziati, bevande gassate, agrumi, soprattutto a digiuno, ridurre il caffè, ma anche il thè e la cioccolata; il latte ed i latticini possono stimolare la secrezione acida ed aumentare i disturbi, così come i cibi grassi e gli alcolici. 

DIAGNOSI

L'endoscopia è l'indagine di prima scelta: si ha la visualizzazione diretta delle dimensioni, della forma, della sede dell'ulcera e consente inoltre di effettuare biopsie per la diagnosi differenziale con una forma maligna (cancro ulcerato). Lo studio radiologico rivela l'ulcera solo nel 70-80% dei casi. 

Dr. Di Bella Giuseppe Gastroenterologo
Centro di Epatogastroenterologia e Nutrizione
Email: info@studiodibella.net

Riceve in :
Viale Libertà, 85 - 95014 - Giarre (CT)
Tel.: +39 095 7794666

Via Umberto, 217 - 95013 - Fiumefreddo di Sicilia (CT)
Tel.: +39 095 646226

PI 04288190871

Ambulatorio di Gastroenterologia accreditato con il S.S.N. (G.U.R.S. 59 del 21/12/2007)

Codice di accreditamento n° 419000 (G.U.R.S. 56 del 07/12/2006)




Copyright © 2015 All Rights reserved