Contatti
 
Segui il Dott. Di Bella su Facebook Segui il Dott. Di Bella su Twitter Segui il Dott. Di Bella su g+ Segui il Dott. Di Bella su RSS
ESOFAGO
ESOFAGITE DA REFLUSSO
ESOFAGO DI BARRETT
CANCRO DELL' ESOFAGO
ACALASIA
VARICI ESOFAGEE
ERNIA IATALE
MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO
SINDROME DI MALLORY WEISS
FEGATO
EPATITI VIRALI
EPATITI DA FARMACI
EPATITI ALCOLICHE
STEATOSI
CIRROSI EPATICA
IPERTENSIONE PORTALE
INTESTINO, COLON, ANO
CANCRO DEL COLON
SINDROME DEL COLON IRRITABILE
DIARREA
DIVERTICOLOSI E DIVERTICOLITE
EMORROIDI
ASCESSI E FISTOLE
MORBO DI CROHN
POLIPI DEL COLON
RAGADE ANALE
RETTOCOLITE ULCEROSA
STIPSI
STOMACO
CANCRO GASTRICO
DISPEPSIA
GASTRITE
GASTRITE DA HELICOBACTER PYLORI
TUMORI BENIGNI
ULCERA PEPTICA
FEGATO: TUMORI EPATICI BENIGNI
ADENOMA
ANGIOMA
CISTI
IPERPLASIA NODULARE FOCALE
FEGATO: TUMORI EPATICI MALIGNI
EPATOCARCINOMA
METASTASI
COLECISTI
ADENOMIOMA
CALCOLOSI DELLA COLECISTI
PANCREAS
PANCREATITI ACUTE
PANCREATITE CRONICA
TUMORI DEL PANCREAS
SEI IN: HOMEPAGE - PATOLOGIE - ACALASIA
                                 

ACALASIA 

DEFINIZIONE

E’ un disordine motorio esofageo caratterizzato.dalla perdita della peristalsi esofagea e da uno sfintere esofageo inferiore (LES) ad alta pressione con incompleto rilasciamento.   

CAUSE

Essa può essere idiopatica (acalasia primitiva) o secondaria ad altre patologie (in America ed in Europa la principale causa di acalasia secondaria è il cancro mentre in Sud America è la malattia di Chagas). L'acalasia primitiva compare in genere tra i 25 e i 60 anni e colpisce indifferentemente i due sessi. 

GENERALITA’

Nel soggetto normale la deglutizione determina una caduta di pressione a livello dello sfintere esofageo superiore (UES) a muscolatura striata con successiva propagazione di onde peristaltiche procedenti in senso distale che si propagano nel corpo esofageo. La deglutizione stessa induce rilasciamento dello sfintere esofageo inferiore (LES) a muscolatura lìscia, che presenta pressione basale intorno ai 20 mmHg, subito seguito da un transitorio e rapido innalzamento della pressione stessa onde evitare il reflusso gastro-esofageo, con rapido ritomo alla pressione basale preesistente.  

DIAGNOSI

La diagnosi si basa innanzitutto sul rilievo di una storia di disfagia sia per i liquidi che per i solidi. Dal punto di vista diagnostico è necessario indagare sia la morfologia (radiologia e endoscopia) che la funzionalità (manometria). Tuttavia né l'esame radiologico, né la manometria possono escludere un'acalasia secondaria a cancro. L' esofagoscopia con biopsia è indicata per escludere le altre lesioni organiche.   


 

        

Dr. Di Bella Giuseppe Gastroenterologo
Centro di Epatogastroenterologia e Nutrizione
Email: info@studiodibella.net

Riceve in :
Viale Libertà, 85 - 95014 - Giarre (CT)
Tel.: +39 095 7794666

Via Umberto, 217 - 95013 - Fiumefreddo di Sicilia (CT)
Tel.: +39 095 646226

PI 04288190871

Ambulatorio di Gastroenterologia accreditato con il S.S.N. (G.U.R.S. 59 del 21/12/2007)

Codice di accreditamento n° 419000 (G.U.R.S. 56 del 07/12/2006)




Copyright © 2015 All Rights reserved